UFFICIO NAZIONALE PER LE COMUNICAZIONI SOCIALI
DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

In ricordo di Carlo Acutis, assisano in odore di santità

Giovedì 12 ottobre al Santuario della Spogliazione una Messa in ricordo del giovane morto a 15 anni, già Servo di Dio, sepolto al cimitero di Assisi.
11 ottobre 2017

Carlo Acutis, il giovane originario di Milano morto nel 2006 a soli 15 anni per una leucemia fulminante, sarà commemorato ad Assisi giovedì 12 ottobre nel Santuario della Spogliazione. Il Vescovo, monsignor Domenico Sorrentino, celebrerà una Messa alle ore 18,30. La celebrazione rientra nell’ambito dell’iniziativa “Palazzo vescovile, tra passato e futuro” che inizierà alle 16,30 con la relazione del professor Francesco Santucci sulla base delle ultime ricerche e scoperte sulla storia del complesso monumentale Vescovado-Santa Maria Maggiore. Dopo l’omaggio al professor Santucci per il lavoro svolto in questi anni come responsabile dell’archivio vescovile si svolgerà la celebrazione a 11 anni dalla morte del giovane, già Servo di Dio e che è sepolto al cimitero di Assisi per sua espressa richiesta. Brillante informatico, impegnato nel volontariato e fervente credente tanto che da quando aveva ricevuto la Prima comunione a 7 anni, non aveva mancato all’appuntamento quotidiano con la santa messa. Cercava sempre o prima o dopo la celebrazione eucaristica di sostare davanti al Tabernacolo per adorare il Signore presente realmente nel Santissimo Sacramento. La Madonna era la sua grande confidente e non mancava mai di onorarla recitando ogni giorno il santo rosario. La modernità e l’attualità di Carlo si coniuga perfettamente con la sua profonda vita eucaristica e devozione mariana, che hanno contribuito a fare di lui quel ragazzo specialissimo da tutti ammirato ed amato. Forte il suo legame con Assisi dove i genitori continuano a essere presenti e dove è attivo proprio nella parrocchia di Santa Maria Maggiore l’oratorio a lui dedicato. “Non è un caso che sia stato scelto il Santuario della Spogliazione per la commemorazione di questo giovane – spiega il vescovo monsignor Sorrentino – : Carlo Acutis ha attualizzato con la sua vita la scelta di Francesco e in qualche modo reso reale l’auspicio del Santo Padre affinché questo nuovo santuario diventi luogo di discernimento per i giovani”. Intanto prosegue la causa di Beatificazione e sono in molti ad auspicare che Carlo Acutis, una volta proclamato beato, possa essere riconosciuto patrono di Internet.