UFFICIO NAZIONALE PER LE COMUNICAZIONI SOCIALI
DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

Social, videoistruzioni per l’uso

Tutti i mercoledì, sulla pagina Youtube e Facebook di WeCa e sul sito www.weca.it, un video-tutorial condotto da Fabio Bolzetta. On line i primi trentadue.
16 luglio 2019

Come gestire il gruppo Facebook di una parrocchia? Meglio Twitter o Instagram? I social possono sostituire il sito parrocchiale? Come funzionano Google e Wikipedia? Come riconoscere le fake news? Quali sono le normative da rispettare? Per rispondere a queste domande e aiutare a non perdersi nel vasto mondo del web, l’Associazione dei Webmaster Cattolici Italiani (WeCa) ha pensato di realizzare dei tutorial, cioè brevi video in stile youtuber con indicazioni e suggerimenti per parrocchie, associazioni, istituti religiosi, gruppi giovanili, diocesi, genitori, educatori e animatori.

«L’obiettivo è quello di richiamare l’attenzione su aspetti cruciali di fenomeni che pervadono la nostra realtà, specialmente quella dei nostri ragazzi, e di suscitare interesse», spiega Giovanni Silvestri, presidente di WeCa e responsabile del Servizio Informatico della Cei, sottolineando il valore strategico della scelta del format. «Quando si fa una ricerca su Google, oltre ai contenuti scritti - rileva - vengono affiancati anche dei video. Per andare incontro alla sensibilità di un’utenza sempre più abituata a questa modalità comunicativa, abbiamo puntato sui tutorial». Che, ricorda, sono «occasioni di formazione alla portata di tutti, ma non esauriscono l’esigenza educativa». Si possono definire infatti come dei «punti di accesso per altre opportunità di formazione, dei link tra la sensibilità dell’utente medio e i contenuti più impegnativi».

La proposta, «diversa ma complementare rispetto a quella dei webinar, cioè delle dirette web che permettono l’interazione con l’esperto di turno», era già stata testata in passato «con un approccio sperimentale». L’esperienza aveva fatto constatare l’utilità dei tutorial sia nell’immediato che nel tempo, dal momento che «venivano spesso utilizzati dalle realtà locali come introduzione all’approfondimento e al dibattito». Oggi, evidenzia Silvestri, viene rilanciata «alzando il livello della qualità e offrendo un programma di contenuti più completo». Che va ad intercettare «le principali problematiche e sfide del confronto tra parrocchie, scuola, famiglie e mondo del web».

Tutti i mercoledì, sulla pagina Youtube e Facebook di WeCa e sul sito www.weca.it, sarà dunque disponibile un video condotto da Fabio Bolzetta, giornalista di Tv2000, che in pochi minuti e con lo stile agile tipico del tutorial si soffermerà su una domanda specifica, dando spiegazioni, risposte e consigli pratici. Prodotti in sinergia con l’Ufficio nazionale per le comunicazioni sociali  e il Centro di ricerca sull’educazione ai media, all’informazione e alla tecnologia (Cremit) dell’Università Cattolica di Milano, i filmati sono frutto della riflessione e del lavoro di numerosi animatori di WeCa, tra cui Andrea Canton, Francesca Triani, Danilo di Leo, Filippo Andreacchio, Andrea Tomasi, Rita Marchetti e Gianluca Cantergiani. Ma, chiarisce Silvestri, «si tratta di un gruppo in continua crescita, che si avvale del contributo e delle competenze di tanti, come è nello spirito di un’associazione come WeCa». Del resto, «l’idea è quella di allargare lo sguardo ad altre tematiche e di irrobustire la proposta», rivela il presidente, annunciando che «viste le richieste già pervenute, in una dinamica di interazione con l’utenza, il ciclo che inizialmente prevedeva solo 12 appuntamenti si arricchirà protraendosi per un periodo più lungo».

(Stefania Careddu - dal Portaparola di Avvenire del 27 novembre 2018)

Leggi la pagina di Avvenire, con un'intervista a Pier Cesare Rivoltella

 

1) Ha senso un gruppo Facebook per una parrocchia?

2) Le prime cinque cose da sapere su Twitter

3) Cinque motivi per cui Facebook non può sostituire il sito web parrocchiale

4) Sette consigli per gestire il gruppo Facebook di una parrocchia

5) Cinque segreti per un sito parrocchiale ordinato e facilmente consultabile 

6) Otto domande e risposte su Wikipedia

7) Tre motivi per avere un sito ottimizzato per mobile

8) Come decido cosa vedere su Facebook (due parole sull'algoritmo)

9) Podcast sul tema della GMCS 2019

10) Il Papa sui social: perché ha cominciato da Twitter?

11) Un sito web accessibile a tutti: cosa non deve mancare?

12) Reale e virtuale. I computer stanno cambiando la nostra umanità?

13) Serve o no una app per la mia parrocchia?

14) Cinque consigli per il sito web di un istituto religioso

15) Perché Google è così importante?

16) Parole O_stili: dieci regole per una comunicazione non ostile

17) Con quale strumento posso realizzare il sito della mia parrocchia?

18) I primi cinque passi per capire Instagram

19) Può una parrocchia rinunciare a Google? Perché sì, perché no... 

20) Videogiochi: come capire quali sono adatti a bambini e ragazzi? Il sistema PEGI

21) Webinar sulla "Christus vivit"

22) Fake news in campo religioso: 7 modi per riconoscerle

23) Quale informazione per le nostre comunità?

24) Perché la Chiesa si è impegnata a tutelare la privacy e i dati personali?

25) "Dalle communities alle comunità" con don Ivan Maffeis. Alla vigilia della 53° GMCS 

26) Le community dall'online all'onlife. Cambia la rete, cambia la pastorale

27) Raccontare le comunità contro i linguaggi dell’odio

28) Sette consigli per le dirette sui social

29) Perché non trovo il sito della mia parrocchia su Google?

30) Cinque motivi per cui i giovani lasciano Facebook per Instagram

31) Come prevenire e contrastare bullismo e cyberbullismo in parrocchia?

32) Con Fidae "Io posso": i ragazzi cambiano il mondo con il metodo "Design for change"