UFFICIO NAZIONALE PER LE COMUNICAZIONI SOCIALI
DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

Tv2000, storie di martiri e di bambini

Lunedì 18 il docufilm su don Peppe Diana a 25 anni dalla sua morte, martedì 19 un documentario sull'ospedale Bambin Gesù che compie 150 anni. In seconda serata.
12 marzo 2019

Don Peppe Diana, il martire del riscatto’. È il docufilm di Tv2000, realizzato dal giornalista Luigi Ferraiuolo, in onda lunedì 18 marzo alle ore 22.45 alla vigilia del 25° anniversario della morte del sacerdote di Casal di Principe ucciso dalla camorra il 19 marzo 1994 in chiesa. Nel documentario le interviste agli amici più cari e ai parenti: dal sindaco di Casal di principe di allora e oggi Renato Natale, alla madre Iolanda Di Tella, dai giornalisti Raffaele Sardo e Nicola Alfiero, che firmarono con don Diana alcuni documenti contro i clan. Tra le testimonianze più significative quelle del suo confessore, don Clemente Petrillo, e di colui che si può definire il ‘padre spirituale’, insieme con don Tonino Bello: il vescovo emerito di Caserta e Sessa Aurunca, mons. Raffaele Nogaro. E poi il ricordo del giudice Raffaele Cantone della stessa diocesi di don Diana, la diocesi di Aversa.

Martedì 19 marzo, alle ore 22.55, Tv2000 trasmette ‘Una storia di bambini’, un documentario per raccontare il Bambino Gesù, primo ospedale pediatrico italiano che compie 150 anni.
Un’ occasione per ricordare con immagini e filmati d’epoca e con i volti di oggi, le origini di una storia di carità, diventata nel tempo una storia di scienza. Nato nel 1869 grazie a una donazione di una nobildonna, oggi il Bambino Gesù è il più grande Policlinico e Centro di ricerca pediatrico in Europa. Il suo più grande valore è la ricerca, che lega l’antica sede romana sul Gianicolo a tanti ospedali e ambulatori d’emergenza nel mondo, dove il Bambino Gesù fa formazione, perché il sapere di tanti giovani ricercatori e eccellenze mediche sia donato a tutti i bambini del mondo. Il documentario, di 50 minuti, è prodotto da Tv2000 in collaborazione con l’ospedale pediatrico. Regia di Giampaolo Marconato.