UFFICIO NAZIONALE PER LE COMUNICAZIONI SOCIALI
DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

Nuove tecnologie e cambiamenti relazionali ed educativi

Terzo convegno interdisciplinare promosso e organizzato da Messaggero di sant’Antonio e Ufficio di Pastorale dell’Educazione e della Scuola della Diocesi di Padova.
10 luglio 2017

"A ritmo di touch. Tra tatto e contatto" è il terzo convegno interdisciplinare promosso e organizzato da Messaggero di sant’Antonio e Ufficio di Pastorale dell’Educazione e della Scuola della Diocesi di Padova. Appuntamento che nelle precedenti edizioni ha fatto il tutto esaurito con 700 tra insegnanti ed educatori iscritti. Anche quest’anno l’incontro si terrà nell’Auditorium dell’Opera della Provvidenza Sant’Antonio, a Sarmeola di Rubano (Pd) nei giorni venerdì 8 e sabato 9 settembre.

Insegnanti, educatori, formatori si ritroveranno ancora una volta attorno ad alcune domande che agitano i contesti scolastici e formativi di vario tipo: come si stanno trasformando le relazioni con i nuovi supporti digitali? La tecnologia ha cambiato solo le modalità e gli strumenti o sta modificando anche i sistemi relazionali? Come costruire un dialogo intergenerazionale a partire dai nuovi linguaggi? Come le nuove tecnologie incidono nei processi di apprendimento e nelle proposte educative? Interazione o relazione ai tempi della rete?

Pedagogisti, psicologi, esperti di comunicazione e di linguaggi, teologi aiuteranno in particolare insegnanti, dirigenti scolastici ed educatori ad affrontare queste domande in un confronto a più voci, a partire dal dato della “persona” nella sua dimensione ontologica relazionale e dalle potenzialità che l’uso corretto dei nuovi media dischiude.

I lavori inizieranno venerdì 8 settembre alle ore 9 con la relazione "La Parola senza copyright" della teologa e pastora battista Lidia Maggi; a seguire sarà padre Fabio Scarsato, direttore del Messaggero di sant’Antonio a affrontare il tema comunicativo-relazionale riflettendo su uno dei fioretti di san Francesco più noti: "Francesco e il lupo. Relazione neanche tanto virtuale".

Dopo il dibattito e la pausa pranzo i lavori riprenderanno alle ore 14.15. Seguirà una carrellata di interventi di esperti che, da diverse angolature, indagheranno il tema. L’approccio pedagogico è affidato a Domenico Simeone dell’Università Cattolica di Milano ("Giovani e adulti nell’agorà mediatica: un incontro possibile"); mentre lo psicologo Alessio Vieno, dell’ateneo patavino, entrerà nelle problematiche connesse alla rete ("L’uso del web nell’infanzia e nell’adolescenza: rischi e risorse") e lo psichiatra Luigi Gallimberti sonderà le conseguenze sul piano relazionale ("C’era una volta un bambino: le relazioni educative con i nativi digitali"). Chiuderà il pomeriggio il giornalista e scrittore Gianni Riotta con l’intervento "Una buona comunicazione a ritmo di touch".

La prima giornata di convegno avrà, per chi lo desidera, un momento artistico la sera, a partire dalle ore 21, nella chiesa di Santa Maria in Vanzo (chiesa del seminario vescovile, in via del Seminario 29 a Padova) con un'esibizione musicale con giovani talenti dal titolo "Oltre il multimediale: arte e musica", accompagnato dalla presentazione di Andrea Nante, direttore del Museo diocesano di Padova.

Il convegno riprenderà sabato 9 settembre, con un taglio più esperienziale: alle ore 9 sarà il vescovo di Padova, mons. Claudio Cipolla, a leggere dalla sua esperienza il contesto della rete ("Un vescovo di fronte al web"). A seguire Pier Cesare Rivoltella, docente di Tecnologie dell’istruzione e apprendimento alla Cattolica di Milano parlerà di "Scuola digitale: le opportunità della media education". Sarà poi la volta del linguaggio cinematografico con Arianna Prevedello che interverrà su "Il cinema racconta le nuove logiche comunicative". Infine Francesco e Sergio Manfio, fondatori del Gruppo Alcuni, esperti in animazione, parleranno di "Un percorso multimediale per educare alla relazione". Le conclusioni saranno affidate a don Lorenzo Celi, direttore dell’Ufficio di Pastorale dell’Educazione e della Scuola della Diocesi di Padova.

Per partecipare al convegno è obbligatoria l’iscrizione (entro il 3 settembre o fino a esaurimento posti) che va effettuata attraverso l’apposito form sul sito www.messaggerosantantonio.it/convegno2017
Segreteria organizzativa: Messaggero di sant’Antonio, via Orto Botanico 11, 35123 Padova, tel 049 8225000, email convegno@santantonio.org

Il Convegno è riconosciuto dall’Ufficio scolastico regionale per il Veneto e agli insegnanti di religione della Diocesi di Padova verranno riconosciuti 2 crediti formativi ogni mezza giornata (6 in totale).

"A ritmo di touch. Tra tatto e contatto" ha il patrocinio di: MIUR - Ufficio scolastico regionale per il Veneto, Facoltà Teologica del Triveneto, Istituto Superiore di Scienze Religiose – Padova, FIDAE Veneto, FISM Veneto, Fondazione “G. Bortignon” per l’educazione e la scuola, Fondazione “Lanza”; ed è sostenuto dal contributo di Mediagraf Spa e Fism provinciale di Padova.