UFFICIO NAZIONALE PER LE COMUNICAZIONI SOCIALI
DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA

Questione di sintonia

Tv e radio dei cattolici italiani sono un progetto che si mette al servizio delle emittenti locali, con un legame che va consolidandosi.
13 febbraio 2018

Vent’anni di un’idea che è ormai una realtà affermata. Il 9 febbraio 1998 l’affacciarsi nell’emittenza italiana del segnale di radio InBlu e poi di quello di Sat 2000 (divenuta nel 2009 Tv2000) costituì una novità che solo il tempo avrebbe poi mostrato in tutto il suo rilievo, peraltro ancora non del tutto espresso. «Quel che vent’anni fa poteva sembrare una scommessa azzardata oggi è una realtà – ha detto il direttore di rete Paolo Ruffini –. È un’alternativa di senso, una tv che non ha perso la memoria ma non ha paura di misurarsi con il proprio tempo. È una comunità di radio. È una galassia social. È un’offerta multimediale di qualità in un universo spesso senza qualità». Un progetto premiato dagli ascolti: gennaio si è chiuso infatti con un +7,5% e una media dello 0,72% di share, recuperando la flessione dovuta al cambiamento di sintonia (efficace in questo il sito di info: www.cambiafrequenza.tv2000.it), con un interesse crescente nelle reti sociali. Tv e radio dei cattolici italiani sono un progetto che si mette al servizio delle emittenti locali, con un legame che va consolidandosi. Come mostrano queste 8 storie raccontate da Avvenire.

Da Avvenire del 13 febbraio 2018, pag. 17